La storia d’amore di Paolo Borrometi per il giornalismo e la legalità. Dalle inchieste sulla criminalità organizzata al libro “Un morto ogni tanto”, dal ricordo di Falcone e Borsellino al pensiero per i magistrati Di Matteo e Gratteri.

Un uomo coraggioso dalla grande sensibilità, privato della libertà personale perché sotto scorta, che si apre in un’intervista che non dimenticherò facilmente.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.